Contenuto Principale

Le nostre Foto

Visita al Palazzo della Signoria con gli studenti del “Cuppari” nei panni di guide per i ragazzi del “Savoia” PDF Stampa E-mail
di Alice Pigliapoco e Asia Vincenti II B   
Lunedì 16 Gennaio 2017 16:09

Gli alunni della seconda media, il 30 novembre, il 1° e il 2 dicembre sono andati a visitare il Palazzo della Signoria di Jesi. A guidare questa uscita sono stati gli studenti della scuola secondaria di secondo grado “Cuppari” nelle giornate del FAI, il Fondo Ambiente italiano. I ragazzi hanno spiegato agli alunni delle scuole medie la storia di questo importante palazzo, uno dei monumenti principali della città di Jesi. L’edificio è stato realizzato dall’architetto Francesco di Giorgio Martini, tra il 1486 e il 1498. Il Palazzo della Signoria, situato nella parte più elevata del centro storico, era la sede originaria della Magistratura cittadina. Nel 1586 fu ceduto al Magistrato Pontificio e da allora divenne il Palazzo del Governatore fino all’unità d’Italia. Appena arrivati, al di sopra del portone principale, ha attirato  lo sguardo degli alunni un grande leone rampante, simbolo della città di Jesi. Al centro dell’interno del palazzo è situato un pozzo molto profondo. Nel primo piano troviamo la sala Maggiore, che piace molto per il suo soffitto ligneo a cassettoni e per la settecentesca scaffalatura lignea dell’antica libreria Pianetti. Al secondo piano si trova la stanza più affascinante, la sala Pianetti, emozionante per i suoi volumi di eccezionale pregio e rarità. All’interno della sala sono collocati due splendidi globi (uno rappresenta tutti i segni zodiacali e l’altro il mondo conosciuto allora). Ora gli alunni che hanno partecipato a questa visita guarderanno diversamente questo monumento perché ne conoscono la storia e i segreti.

 
MISS PEREGRINE – LA CASA DEI RAGAZZI SPECIALI PDF Stampa E-mail
di Letizia Vignati III D   
Lunedì 09 Gennaio 2017 17:02

Il 15 dicembre 2016, in tutte le sale d’Italia, è uscito un film davvero stupendo (almeno per me) intitolato MISS PEREGRINE – LA CASA DEI RAGAZZI SPECIALI. Ransom Riggs, scrittore e regista che ha ideato appunto questo film, grazie al suo editore, ha preso spunto da alcune delle sue vecchie foto soprattutto quelle più strane ed imbarazzanti e ci ha creato questo film che forse ancora non molti conoscono. Adesso però non mi perdo in chiacchiere e vi racconto un po’ di questa storia. E’ innanzitutto un racconto fantasy basato sul protagonista, Jacob Portman e del rapporto che aveva con suo nonno prima che morisse. Dopo appunto la sua morte, Jacob si reca in Galles, alla ricerca di un gruppo di bambini con poteri speciali che vivevano in una casa lontano dalla città con a capo una misteriosa direttrice dal nome Miss Peregrine. Ma per quale motivo voleva conoscere tanto questa direttrice? Beh, suo nonno, durante la sua infanzia, gli aveva parlato molto di lei. Ed è cosi che un giorno, passando per una piccola grotta, Jacob conosce Miss Peregrine e i suoi ragazzi “speciali”: Emma che aveva il potere di essere più leggera dell’aria, i gemelli che indossano uno strano vestito bianco che copre il loro corpo, Milard chiamato il ragazzo invisibile, Browyn una bambina con una forza pari a quella di tre uomini come minimo, Fiona che ha un rapporto speciale con le piante, Olive che può controllare il fuoco, Enoch un ragazzo che può dar vita a qualsiasi cosa, Hugh un ragazzo con un corpo pieno di api ed infine c’è Claire, una bambina che possiede una bocca gigante dietro la nuca.  Un giorno, dopo aver fatto visita a Victor, un ragazzo che venne ucciso, Jacob scoprì di avere un potere speciale come gli altri, ovvero quello di poter vedere i vacui, particolari mostri con lunghissimi tentacoli che probabilmente hanno ucciso anche suo nonno. Barron, il capo di questi vacui, cattura in seguito Miss Peregrine, così Jacob, organizzandosi con tutti gli altri, decide di andare a salvarla. Jacob riesce a sprigionarla, ma per sua sfortuna incontra Barron che prende le sue sembianze e cerca di ingannare Emma e gli altri amici. All’inizio sembrano crederci, ma poi il vero Jacob trova il modo di distinguersi mostrando loro il suo potere. Volete sapere come va a finire? Se si, vi consiglio moltissimo di andare a vederlo perché non ve ne pentirete!

 
SCUOLA SAVOIA:RISCALDAMENTI COME IN PIENO INVERNO PDF Stampa E-mail
di Kadiata Kabore   
Lunedì 21 Novembre 2016 17:09

Nella scuola media Duca Amedeo di Savoia che si affaccia sul corso Matteotti si possono ancora scorgere studenti in abiti quasi estivi e finestre delle classi spalancate. Questo a causa delle temperature alte dei termosifoni all’interno della scuola mentre fuori c’è ancora un clima quasi primaverile. I termosifoni sono tenuti alla temperatura di circa 20° quando ne basterebbero almeno 3 in meno. Queste condizioni causano disagi come raffreddori a causa dello sbalzo di temperatura tra dentro e fuori e mancamenti a causa dell’eccessivo caldo. La scuola ha telefonato al comune di Jesi per chiedere l’abbassamento dei riscaldamenti che a sua volta ha riferito la richiesta alla ditta che si occupa del regolamento della temperatura che ha agito abbassando di un solo grado il termostato che continua a segnare intorno ai 19°. Sfortunatamente la scuola non può avere il controllo del termostato, ed anche da questo punto di vista si stanno facendo delle richieste. Molti più disagi li subisce una terza che non può neanche aprire le sue due finestre perché due nidi di api, situati sul cornicione sopra le due finestre, infesterebbero l’aula. Si verifica anche un grande spreco di gas metano che contribuisce all’inquinamento e mandando le bollette, pagate in parte anche dalla scuola, a cifre altissime.

 

Largo alla fantasia

Largo alla fantasia

Orientamento

Orientamento dopo le medie

La bacheca della scuola

Bacheca scuola

Contatti