Contenuto Principale
Recensione del film “Sarò sempre tuo padre” PDF Stampa E-mail
di Jiariata Ba   
Domenica 28 Aprile 2013 12:54

Regista: Lodovico Gasparini

Attori principali: Giuseppe Fiorello, Ana Caterina Moraiu, Rodolfo Laganà, Edoardo Pesce

Trama: Antonio Rubino è un venditore di auto, sposato con Diana. I due hanno un figlio di sette anni, Andrea. La loro vita scorre felice e serena, fino al giorno dell’anniversario di matrimonio, in cui Diana dice ad Antonio che non è più innamorata di lui. Il divorzio è l’unica soluzione a tutti i problemi. Antonio inizia così a cercare una nuova casa, cercando di superare il brutto momento a denti stretti. Ormai la sua famiglia non è più il luogo tranquillo in cui ha vissuto finora. Il tempo passa, e, mentre Diana riesce a condurre una vita tranquilla, Antonio cade nel baratro.

Il poco tempo che ha per vedere il figlio non gli basta per esercitare il suo ruolo di padre. La solitudine e i suoi dubbi sul ruolo di padre e marito lo gettano nella disperazione più totale. Tanto più che a causa dei suoi problemi di lavoro viene licenziato. Si ritrova così a 40 anni senza una famiglia e disoccupato. Cominciano i ritardi negli appuntamenti, le dimenticanze nei confronti del figlio, tutti segnali che agli occhi di Diana sono le solite mancanze di uomo poco responsabile. L’intervento di avvocati e ordinanze dei tribunali sembra così inevitabile. Stanco e psicologicamente distrutto, Antonio non ha neanche un posto per dormire. L’unico rifugio, per ora, è quello offerto dalla mensa della Caritas. Il suo ruolo di papà è messo ogni giorno che passa in discussione, tanto più che per il compleanno degli otto anni di Andrea non si presenta alla festa perché non ha potuto comprargli il regalo che il figlio ha chiesto. Ma proprio nel momento di maggior sconforto Antonio incontra un piccolo gruppo di nuovi amici che vivono la stessa condizione di padri separati e senza lavoro. Grazie al loro sostegno e all'aiuto di una assistente sociale riuscirà a riconquistare una nuova linfa vitale, trovare un lavoro e diventare il papà che ha sempre sognato di essere. Ma Diana esporrà una diffida ad Antonio, che gli impedisce di vedere per sempre suo figlio. Allora Antonio, con alcuni amici che hanno avuto la stessa sorte, organizza una manifestazione che farà capire a Diana quanto sia stato sbagliato il suo gesto. Facendo ricorso in seguito e permettendo così ad Antonio di continuare a vedere suo figlio.

 

Giudizio: Questo è un film bellissimo, commovente e coinvolgente, che parla della situazione di milioni di padri divorziati che per colpa degli avvocati delle loro mogli non possono più rivedere i loro figli. Verrebbe così violato un loro diritto. I figli sono il frutto di un uomo e di una donna ed appartengono ad entrambi, non ad una sola persona.

 

Largo alla fantasia

Largo alla fantasia

Orientamento

Orientamento dopo le medie

La bacheca della scuola

Bacheca scuola

Contatti